Menti Fresh

Ve lo dico. Sono proprio annoiata. Sono proprio annoiata da tutte queste giornate sempre uguali a se stesse, dalle persone ripetitive, monotone, atone, trucide, luride, ignifughe. Suona la sveglia, mi alzo a fatica, ho sonno come prima di mettermi la sera a dormire. Nasco già stanca. Gli stessi rituali e gesti di preparazione del caffè, ad occhi chiusi, ma non è che questo che mi disturba, sveglio mia figlia – o almeno ci provo, poverina, chi di noi voleva andare a scuola?. Ascolto il rullo delle notizie principali e l’oroscopo. Che puntualmente dimentico tre minuti dopo. 
L’inizio è bello. L’inizio con i bambini, che siano figli tuoi o di altri, l’inizio con il tuo compagno o la compagna della tua vita, questo è bello. Ma le persone. Le persone. Certe categorie di alienati, che i robot sarebbero più svegli. Certe rotondità divenute ossute, estetica e morale ottuse, un disgusto provato. Che poi ci parli e blablabla, la stessa percezione angolare di vedere la vita, ma che vuoi vedere da lì? Esci dal buco! Fai la morale perché vedo in diagonale quando tu hai tutto solo ricoperto di polvere? Sono annoiata dagli adulti, o dovrei dire da certi adulti. Amo follemente i bambini, se potessi ne farei diciotto, anzi 1 miliardo, per ripopolare la terra con menti più fresh. Che quelle che ci stanno in giro si sono avariate.