Pensi a come scorre il tempo e a quanto erano diverse le cose.

Pensi che hai fatto progressi, che molto è cambiato. Prendi le vecchie mail, e decidi di fare pulizia. Per ogni gruppo che ne cestini, te ne salta qualcuna all’occhio che decidi di riaprire. Rileggi la tua vita e gli episodi che avevi cancellato. Annuisci con la testa, da solo, incurante se qualcuno ti stia guardando o meno. Ridacchi leggendo dei consigli di un tempo. Corrughi la fronte e inarchi le sopracciglia, quando incappi in qualcosa che avevi voluto dimenticare; credevi già di aver levato tutto, allora ne approfitti e continui la pulizia.  Ritrovi le evoluzioni di certe persone e i loro ruoli nella tua vita modificati. Qualcuno più lontano, qualcuno più vicino. Ritrovi quello che non volevi ritrovare e che ti aveva fatto tanto male. Maledici il momento in cui hai cominciato il giro nella posta. Rivivi ogni colpo. Ti chiedi se davvero la tua vita oggi è differente o se ancora non sai vedere.
Ti detesti. 
Ed è qui che rischi di scivolare.
E’ così che potresti commettere gli errori più madornali.